digital marketing, internet

Cosa non ha funzionato con Google Plus?

Google ha ufficialmente chiuso Google Plus. L’annunciata chiusura è motivata principalmente da una falla nella sicurezza che, per oltre tre anni, avrebbe esposto migliaia di utenti a potenziali attacchi e furti di dati.
La sensazione generale è però che qualcosa sia andato storto da tempo con Google Plus. Ma che cosa?

Nella nota relativa alla chiusura, Google spiega tra le altre cose che Google Plus attualmente registra tassi di uso ed engagement piuttosto bassi e che il 90% delle sessioni dei suoi utenti durano meno di 5 secondi.

Dal punto di vista delle metriche di prodotto questa è l’ammissione di un disastro. Intendiamoci, fa parte dello sviluppo prodotto di un’azienda di queste dimensioni procedere per tentativi, ed eventualmente fallimenti, ma il lungo penare di Google Plus trova in questi numeri la sintesi perfetta delle ragioni della sua morte. In cosa hanno sbagliato dunque? 
Ci sono tre aspetti rilevanti che hanno determinato questo esito:

1. Non basta mettere insieme caratteristiche vincenti per fare un prodotto vincente
Google Plus ha preso il meglio delle caratteristiche di Facebook e Twitter e le ha riunite in un solo prodotto. Dal punto di vista di un utente questo non significa necessariamente soddisfare tutte le esigenze possibili. Per almeno due ragioni: a) se scelgo social diversi è perché voglio esperienze diverse e b) troppe caratteristiche confondono, soprattutto gli utenti alle prime armi.

2. Non puoi imporre agli utenti un cambio radicale delle loro abitudini.
Il Graal dell’esperienza unica, su unica piattaforma, ha cominciato a cedere da tempo e lo sa anche Facebook. È chiaro, soprattutto dato che parliamo di aziende che basano il loro business model sulla raccolta dati e profilazione degli utenti per fini di advertising, che più tempo passiamo su una piattaforma e meglio quest’ultima impara a conoscerci, ma non è detto che un utente voglia rimanere dentro quella piattaforma per tutte le sue attività.

3. Serve la capacità di attrarre clienti business
Purtroppo parliamo di un serpente che si morde la coda. Ci sono stati casi straordinari di successo nelle collaborazioni con i brand, ma per quanto il valore di Google Plus per le aziende sia anche nell’esposizione generale che possono ricavarne sul motore di ricerca di Google, la verità è che il cuore di un’esperienza social “aziendale” – cioè l’interazione utenti-brand – non può trovare spazio dove non c’è engagement da parte degli utenti.

Allora perché Google ha speso tempo su Google Plus?
Perché è Google. E questa è da sempre la loro strategIa di prodotto.
Hanno un approccio da startup con cicli di prodotto a rilasci frequenti, eventuali cambiamenti di rotta, fallimenti e riavvii del ciclo di prodotto stesso. Detto in soldoni, se è vero che chi non fa non sbaglia, Google ha fatto dello sbaglio e delle lezioni imparate la sua cifra di sviluppo prodotto. Ogni servizio dismesso è in realtà un prezioso insieme di informazioni acquisite ed imparate, utilissime a costruire i prodotti successivi.

Addio o arrivederci?
La chiusura di Google Plus segna dunque l’addio definitivo di Google ai social media? 
Non è detto. Sul piatto ci sono ancora moltissimi temi su cui Google potrebbe fare la differenza o quantomeno giocarsela: dalla realtà virtuale alle community legate ai gamer.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...